Comprare articoli per il blog: come si fa

Comprare articoli per il blog è una pratica molto diffusa tra i proprietari di siti web. Infatti, non tutti hanno il tempo o la voglia di mettersi a scrivere dei testi che saranno poi utili al lettore. Allo stesso tempo, nel web, non basta solamente scrivere bene ma bisogna scrivere SEO.

Infatti, il SEO copywriter è una figura abbastanza ricercata nel mondo dell’online marketing. Questo avviene perché questa figura professionale è la fusione di due professioni diverse: il SEO ed il copywriting.

Infatti, una volta che decidi di comprare articoli per il blog, devi assicurarti che la figura che si occuperà della stesura del tuo post sappia anche ottimizzarlo per i motori di ricerca. Se questo non avverrà, il tuo articolo non sarà posizionato in prima pagina tramite la ricerca Google.

Quindi, come bisogna muoversi? A chi bisogna rivolgersi? Quali sono i prezzi?

Potrebbe interessarti anche:

Gli articoli per il blog sono importanti

Gli articoli per il blog sono importanti
Gli articoli per il blog sono importanti

Per quanto possa essere o non essere scontato, gli articoli per il blog sono di una importanza fondamentale. Infatti, oltre che le pagine del tuo sito, sono loro che vanno in competizione con altri milioni di siti web permettendoti o meno di accaparrarti il clic dell’utente.

Il clic è fondamentale in quanto una volta che un utente entra nel tuo sito perché sta cercando una risposta al suo problema, potenzialmente potresti vendergli la tua soluzione. Quindi la pratica di scrivere articoli SEO, nonostante per alcuni possa sembrare: facile, inutile, una perdita di tempo, etc. scoprirai che in realtà è fondamentale.

Pensiamo ad esempio a Salvatore Aranzulla: lui, tramite la ricerca organica è diventato milionario. Questo perché riesce a posizionarsi quasi sempre #1 sulla serp di Google e nonostante non venda dei suoi prodotti, vende degli spazi pubblicitari. Se non avesse imparato a scrivere degli articoli SEO nessuno lo avrebbe trovato e di conseguenza, cliccato sulle sue pubblicità.

Inoltre, se ti rechi sul suo sito e vai sulla sezione delle opportunità di lavoro, scoprirai che anche lui compra articoli per il suo blog. O meglio, paga dei freelance affinché scrivano per lui ed in cambio di una retribuzione, gli inviino l’articolo cedendo di fatto i diritti d’autore.

Il tutto per dire che comprare articoli per il blog è di fondamentale importanza in quanto ti ritroverai ad un certo punto con un sacco di lavoro da fare e troppe poche mani sulla tastiera.

Infatti, ci sono moltissime aziende che pubblicano decine e decine di articoli al giorno come ad esempio le testate giornalistiche. Qui però, il discorso è leggermente diverso in quanto il loro lavoro è vivere il momento live. Poche persone cercherebbero delle notizie di cronaca di un mese fa, piuttosto le cercano del giorno stesso. Anche lì, le testate giornalistiche comprano degli articoli per il blog da giornalisti indipendenti.

Se invece sei un’azienda, un blog di viaggi, di marketing o un’attività locale, non è espressamente richiesto di pubblicare tutti i giorni. Ovvio, più pubblichi articoli frequentemente e soprattutto di qualità e maggiori possibilità avrai di finire #1.

Dalla mia esperienza, una buona frequenza di pubblicazione per questi siti web è di 2-4 articoli a settimana: in quel caso sarebbe veramente ottimo.

Ed ora uno potrebbe anche dire: “ma si dai, che ci vuole a scrivere qualche articolo…”

Ne siamo proprio sicuri?

Scrivere sul blog non è uno scherzo

Molti siti web aprono dei blog così, giusto per averlo. Non viene curato l’aspetto grafico, la leggibilità dell’articolo, il padding, etc. Ecco, dovresti sapere che il blog se ce l’hai è meglio tenerlo “in forma” altrimenti, meglio non averlo. Nessuno ci forza ad avere un blog ma la competizione ci obbliga a renderlo migliore degli altri.

Questo significa che: oltre che seguire tutte le best practice di ottimizzazione SEO, dobbiamo anche rispettare altri parametri. Infatti l’impostazione SEO corretta del sito è la conditio sine qua non è possibile pretendere di posizionarsi su Google.

Dal momento in cui ha un blog invece, ti consiglio di rispettare questi parametri:

  1. Assicurati la perfetta leggibilità sia da desktop che da mobile
  2. correggi gli elementi sovrapposti, immagini fuori schermo e colori
  3. sii costante nel pubblicare. Decidi una tabella di marcia e seguila
  4. pubblica solo contenuti di valore.
  5. cura la SEO dell’articolo in tutti i suoi aspetti.

Ora prendiamo punto per punto ed analizziamo la situazione prima ancora di capire come comprare articoli per il blog.

1. Leggibilità

La leggibilità è fondamentale per quanto riguarda l’user experience. Ciò significa che se hai conquistato la #1 posizione su Google ma una volta che un utente entra nel tuo sito, la grafica fa letteralmente schifo, allora in 0.1 secondi lo abbandonerà. Per grafica non si intende il tema del tuo sito ma il CSS. Se ad esempio usi dei font poco leggibili o delle dimensioni di questo troppo piccole o grandi, allora il lettore farà molta fatica a leggerlo.

Lo stesso vale per delle combinazioni di colore improponibili tra loro. Immagina di leggere un testo verde su sfondo giallo: come si fa? Quando Google si accorgerà che l’esperienza utente sul tuo sito non è ottimizzata, vedrai che ti farà perdere posizioni. Ovviamente la leggibilità deve essere curata sia da desktop che da mobile e se vogliamo “esagerare”, anche su tablet.

2. Grafica

Hai mai visto quei blog che non sfruttano al massimo la larghezza del dispositivo? Specialmente, su mobile questa pratica può non essere il massimo per il lettore. Se infatti impostiamo un margine ai lati, il testo andrà a capo in continuazione in quanto non riesce ad andare fino ai margini dello schermo. Questo significa che per leggere 2 frasi l’utente dovrà magari fare 5 scroll. Il mio consiglio è quello di non usare il layout boxed da mobile. Piuttosto, usalo sul desktop se ti piace. Lo stesso discorso vale poi per le immagini che per vederle correttamente l’utente non dovrebbe mai fare zoom o spostarsi sullo schermo. Questo implica che l’immagine deve essere visibile a pieno schermo senza interventi manuali da parte dell’utente.

3. Piano editoriale

Piano editoriale
Piano editoriale

Il piano editoriale corrisponde alla tabella di marcia del tuo blog e di conseguenza, all’organizzazione del lavoro. Infatti, avrai già avuto modo di vedere che per scrivere un articolo, non ci si alza la mattina ispirati da un argomento e si inizia a scrivere. Piuttosto prima si fa una ricerca delle keyword in base ad un certo volume e difficoltà, poi si fa una lista a mo’ di database. Una volta che avrai raccolto 100-200 keyword, è arrivato il momento di scrivere. Google, come Youtube predilige la costanza di pubblicazione del contenuto, oltre che ovviamente il suo valore. Per cui se rispetti una tabella di marcia precisa dove ad esempio pubblichi un articolo ogni tre giorni, Google lo apprezzerà e ti saprà ricompensare.

Anche se decidi di comprare articoli per il blog, assicurati di pubblicarli con un ordine temporale corretto.

Piccolo suggerimento:

  • Per ricercare le parole chiave ti consiglio Semrush
  • per organizzare le tue keyword ti consiglio Notion.

4. Qualità degli articoli

Gli articoli devono rispettare dei criteri che sarai tu stesso a stabilire, solitamente basati sui dati. Questo significa che con l’esperienza acquisita, riuscirai a comprendere qual è il numero di parole minimo da scrivere per ogni articolo. Scoprirai inoltre: quante immagini mettere, quanti link esterni ed interni avere per arrivare #1, etc.

Non ha assolutamente alcun senso pubblicare articoli privi di contenuti visivi e link, con una lunghezza di 500 o 1000 parole. Questo discorso poteva andar bene 10 anni fa, adesso il web è un luogo competitivo. Non ci si può limitare a fare il compitino; piuttosto bisogna cercare di rispondere anche alle domande implicite dell’utente. Infatti, quando leggerà un articolo inevitabilmente inizierà a porsi alcune domande. Noi in quel caso, dobbiamo già potergli fornire una risposta altrimenti se le andrà a cercare sul blog di qualcun altro.

Quindi, meglio pubblicare un articolo a settimana da 4 mila parole, piuttosto che 4 da mille. Poi ovviamente dipende dalla tua nicchia di riferimento ma ormai iniziano ad essere tutte abbastanza sature. Per cui, il mio consiglio è quello di cercare come minimo di scrivere articoli da 1.5 K parole.

Ovviamente, alcuni argomenti sono “corti” per cui non c’è molto di cui parlare. Però se farai una buona introduzione e porrai l’attenzione sugli argomenti correlati al problema principale, vedrai che riuscirai a scrivere un bell’articolo.

5. Gli articoli del blog non sono articoli di giornale

A differenza dei giornali cartacei dove la SEO non c’entra niente, su internet la SEO è fondamentale. Se ad esempio scrivessi un articolo da 10 mila parole ma che non rispetta un minimo di SEO, allora sarà molto difficile posizionarsi. Ovviamente la SEO non si riferisce solo all’articolo ma all’intero sito. Questo significa che prima ancora di scrivere un articolo ottimizzato, dovrai essere sicuro che il tuo sito sia altrettanto. Infatti, al posizionamento concorrono una miriade di fattori, per cui riporre le nostre “speranze” solo sull’articolo è una cosa azzardata. Se il tuo sito contiene malware, è lento, non ottimizzato, etc. allora di un articolo ottimizzato SEO ci farai poco o nulla.

Scopri ora il mio servizio dedicato alla SEO

Bene, ora vediamo esattamente come comprare articoli per il blog.

Come comprare articoli per il blog

Come comprare articoli per il blog
Come comprare articoli per il blog

Per capire come comprare articoli per il blog, devi sicuramente rivolgerti ad una figura che sia SEO + Copywriter. Ciò vuol dire che il professionista che eseguirà il tuo lavoro non dovrà solamente essere bravo a scrivere ma anche ad utilizzare le tecniche d’ottimizzazione dei contenuti per i motori di ricerca. Allo stesso tempo, deve avere dei risultati comprovati che le sue tecniche funzionano. Tu andresti mai a comprare articoli per il blog da una persona che non hai mai scritto per un sito web oppure non ha mai gestito il suo?

A tal proposito, ti consiglio di visitare la mia pagina del servizio copywriting. Infatti, offro un servizio di copywriting + SEO: esattamente quello che stavi cercando. Nel mio sito ho pubblicato più di 120 articoli e so esattamente come si finisce primi su Google. Per cui, consulta la pagina, chiedi un preventivo totalmente gratuito e nel giro di 24h riceverai una mia risposta.

Acquistando il mio servizio riceverai:

  • Articolo ottimizzato SEO
  • numero di parole richieste da te
  • immagini stock e premium
  • link building corretta
  • cessione dei diritti d’autore

Ci stai ancora pensando?

Compra articoli per il tuo blog
Servizio SEO copywriting

Comprare articoli per il blog: conclusioni

In questo articolo abbiamo visto come comprare gli articoli per il blog e perché sia importante farlo. Mi raccomando di selezionare un vero professionista della scrittura SEO e di diffidare da chi ti dice che sa come scrivere un articolo ottimizzato e poi non ne ha mai fatto uno.

Nel web, come in ogni cosa contano solamente i risultati. Per cui, assicurati che la persona che sceglierai abbia già raggiunto quello che tu ti aspetti di ottenere con il tuo blog.

Detto questo, ricordati di dare un’occhiata ai miei servizi oppure scarica una delle mie guide, posso aiutarti con il tuo business online!

Lorenzo Mariani
Lorenzo Marianihttps://lorenzomariani.site
Sono Lorenzo Mariani, laureato in Psicologia. Dal 2018 mi occupo di online marketing e di investimenti. Grazie alla mia esperienza fornisco indicazioni e consigli utili a risolvere i problemi più comuni legati a queste attività. Ho a cuore il tempo che i miei lettori dedicano a leggere i miei articoli, pertanto dedico sempre il massimo sforzo e professionalità.

Hai bisogno di aiuto?

Guarda i miei servizi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui