Non ho voglia di fare niente: come uscire da questa condizione

Non ho voglia di fare niente. Quante volte nella tua vita ti è capitato di pronunciare o sentire dire questa frase? Scommetto molte ed il fatto che una persona non abbia voglia di fare niente, sicuramente non è un bel segnale. Anzi è una condizione, uno stato d’animo da prendere con le pinze in quanto la persona può vivere un momento no, un momento di apatia.

Secondo quanto riporta Wikipedia:

L’apatia (dal greco a-pathos, letteralmente “senza emozione”) è una riduzione dei comportamenti finalizzati, dovuto a un problema di espressione della motivazione. Si distingue dalla depressione in quanto il paziente apatico non prova disagio per la sua condizione, mentre la depressione si correla spesso con stati ansiosi e provoca un tono negativo dell’umore e assenza di piacere (anedonia) che può arrivare fino al desiderio di morire.

In pratica consiste nel non provare emozioni davanti niente e nessuno, è come sentirsi vuoti.

L’apatia solitamente accompagna il sentimento di “ non ho voglia di fare niente “. Nei prossimi paragrafi ne studieremo le cause ed in che modo puoi uscire definitivamente da questa situazione, iniziamo!

Cause dell’apatia?

L’apatia solitamente può manifestarsi a seguito dell’assunzione di alcune sostanze stupefacenti, malattie psichiatriche oppure neurologiche.

Solitamente nel momento in cui si assumono sostanze stupefacenti oppure si soffre di qualche malattia psichica, c’è una forte base di apatia che poi sfocia talvolta nella depressione.

Tra le cause psichiatriche dell’apatia annoveriamo:

  • La schizofrenia;
  • La distimia;
  • Le forme di depressione minore.

Tra le cause neurologiche sono presenti:

  • La malattia di Alzheimer;
  • La demenza frontotemporale;
  • La malattia di Huntington;
  • La malattia di Parkinson;
  • La paralisi sopranucleare progressiva;
  • L’ictus;
  • La demenza vascolare;
  • I tumori endocranici;
  • L’encefalopatia epatica.

Tra le sostanze psicoattive ricordiamo:

  • La cocaina;
  • Le anfetamine;
  • L’alcol.

Inoltre un periodo di apatia può sopraggiungere anche nel momento in cui si viene fortemente delusi da qualcuno o da qualcosa. Potrebbe succedere allora che non si hanno più energie per andare avanti e di conseguenza la persona si chiude in sé stessa, semplicemente non prova più nulla al fine di evitare di soffrire e star male.

Come sconfiggere l’apatia

Come sconfiggere l'apatia

In che modo si sconfigge l’apatia e di conseguenza la famosa frase di non ho voglia di fare niente? Scopriamolo in questo paragrafo, dove non ti darò solo 1 ma ben 10 consigli utili che puoi applicare sin da subito, iniziamo!

1. Fermati e respira

A volte, quando si tira troppo la corda si rischia di spezzarla. Lo stesso vale con noi esseri umani in quanto se veniamo da un periodo duro, dove non facciamo altro che correre di qua e di la abbiamo bisogno prima o poi di fermarci.

Questa pausa deve essere presa ed accettata nel migliore dei modi in quanto dobbiamo concederci un periodo dove veramente non facciamo nulla e quindi possiamo riposare e stare un po’ con noi stessi.

Questo periodo serve a schiarirsi le idee e recuperare le energie. La tempistica non è definita: possono bastare alcuni giorni come volerci settimane, questo poco conta. L’importante è che tu riesca in tutti i modi possibili a recuperare le tue forze.

2. Allenati

Allenati e se possibile, fallo all’aperto. Devi sapere che infatti il sole ha degli effetti positivi sul nostro umore, pertanto assicurati di uscire di casa almeno 10 minuti al giorno. Ovviamente non devi fare nulla di sovraumano, basta semplicemente una passeggiata o se te la senti una corsetta intorno casa. Questo aiuterà a sfogarti ed allo stesso tempo ripristinerà il tuo umore.

Assicurati però di aver rispettato il punto 1, cioè quel periodo in cui ti prendi una pausa dal mondo e rigeneri le tue energie.

3. Ordina le tue emozioni

Esplorare il tuo stato emotivo può farti capire il perché reciti la frase del non ho voglia di fare niente.

Chiediti se ti senti:

  • ansioso , preoccupato o nervoso per qualcosa
  • arrabbiato o frustrato
  • triste o solo
  • senza speranza
  • distaccato o disconnesso da te stess

Se ti senti all’interno di una di queste emozioni, cerca di collocarle in uno spazio-tempo ben definito. Cerca quindi di dare loro una spiegazione, non le stai provando a caso. Una volta individuata la causa potrai ragionare su di essa e capire in che modo risolverla.

Capire cosa c’è dietro queste emozioni può aiutarti a trovare potenziali soluzioni o ad accettare che certe cose sfuggono al tuo controllo.

4. Pratica la meditazione

La meditazione ti permette di entrare in uno stato profondo di simbiosi con te stesso. Ti permette di raggiungere una consapevolezza più elevata e di ragionare su cose che se non fosse stato per la meditazione, non ci saresti mai arrivato.

Una volta che sarai entrato in contatto con le tue emozioni, quello che dovrai fare sarà accoglierle, non rifiutarle, fanno parte di te che tu lo voglia o meno. Quindi impara ad accettarle, capirle e soddisfarle.

5. Parlane con un amico

5. Parlane con un amico

Quando dici “ non ho voglia di fare niente ” parlane con un amico. L’importante è che l’amico sia quello giusto e che abbia la dote dell’empatia. Spiegagli esattamente perché non hai voglia di fare nulla ed allo stesso tempo sfoga le tue frustrazioni, tutto ciò che ti fa stare male, ecc.

La soluzione potrebbe essere molto più vicina di quello che credi.

6. Ascolta la musica

La musica può aiutarti a rompere quel silenzio pesante dentro di te facendoti provare delle emozioni nuove. La giusta musica infatti, cioè quella che ti piace, oltre che avere degli effetti positivi sul tuo umore può allo stesso tempo darti dei benefici per il tuo cervello, come ad esempio un aumento della memoria e dell’attenzione.

7. Svolgi azioni semplici

Ad esempio, se vivi da solo avrai sicuramente mille cose da fare tra cui:

  • Lavare i piatti
  • pulire per terra
  • lavare i vetri
  • fare la spesa
  • buttare la spazzatura

Diciamo che nel momento in cui non hai voglia di fare nulla e ti lasci andare, potresti aver lasciato queste faccende un pò in sospeso. Quindi perché non riprenderle? Magari potresti iniziare con quella più facile e che non ti costa nulla, per poi arrivare a fare quelle un po’ più difficili. Questo ti permetterà di ri-acquisire fiducia in te e ti farà tornare la voglia piano piano di fare le cose.

8. Soddisfa i tuoi bisogni primari e secondari

Nel momento in cui non soddisfi i tuoi bisogni fisici ed emotivi per un po’ potresti sentirti spento ed in letargo. Per questo motivo è importante ascoltare il proprio corpo e capire di che cosa si ha bisogno. Nel momento in cui lo abbiamo capito non resta che darglielo!

chiediti quanto segue:

  • Sono idratato ?
  • Ho bisogno di mangiare?
  • Dovrei dormire un po’ di più ?
  • C’è qualcosa che mi turba o mi stressa?
  • Mi sentirei meglio con le persone?
  • Ho bisogno di un po’ di tempo da solo?

In base alla risposta che darai, dovrai adoperarti per soddisfare quello specifico bisogno.

9. Crea una routine

Nel momento in cui ti accorgi di essere disorganizzato con le cose da fare e nonostante hai voglia di farle, non ci riesci mai, beh, fare un programma potrebbe esserti d’aiuto. Stabilisci ad esempio in quali giorni della settimana vuoi uscire con gli amici, quali vuoi stare con la ragazza e quali vuoi stare da solo. Questo ti aiuterà a mettere ordine nella tua testa ed a vivere più organizzato e sereno.

10. Leggi un libro

10. Leggi un libro

Leggere un libro può essere molto produttivo, specialmente nel momento in cui vorresti fare qualcosa ma non lo fai per mancanza di voglia. Quindi resta pure comodo sul letto o divano, e prendi un

bel libro. A proposito, leggiti la mia guida sui migliori 30 libri di crescita personale, potresti trovare qualcosa di interessante!

Consiglio bonus: vai in terapia

Sembra una provocazione, ma non è questo il mio intento. Non c’è nulla di sbagliato nell’andare in terapia, anzi. Può risolverti davvero molti problemi e quello che potresti fare è semplicemente contattare un bravo psicoterapeuta vicino a te ed iniziare a confidarti. Insieme potrete trovare la via d’uscita da questa situazione molto fastidiosa.

Conclusioni sul non ho voglia di fare niente

In questo articolo ti ho parlato di cosa bisogna fare quando non ho voglia di fare niente. Se questa guida ti è stata utile condividila sui social e lascia pure un commento, lo apprezzo davverto tanto!

Ricordati di dare un’occhiata ai miei servizi oppure scarica una delle mie guide, posso aiutarti con il tuo business online!

Lorenzo Mariani
Lorenzo Marianihttps://lorenzomariani.site
Sono Lorenzo Mariani, laureato in Psicologia. Dal 2018 mi occupo di online marketing e di investimenti. Grazie alla mia esperienza fornisco indicazioni e consigli utili a risolvere i problemi più comuni legati a queste attività. Ho a cuore il tempo che i miei lettori dedicano a leggere i miei articoli, pertanto dedico sempre il massimo sforzo e professionalità.

Hai bisogno di aiuto?

Guarda i miei servizi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui